Quante tempo passi con il tuo cane?

Quante tempo passi con il tuo cane?

Alessandra Curreli

Quante ore passiamo con il nostro amico animale?
Siamo sicuri di dedicare abbastanza tempo da renderlo soddisfatto e felice?

Quanto tempo trascorriamo con lui durante il giorno?

Siamo certi che basti portarlo fuori 2 o 3 volte al giorno per regalargli la soddisfazione di sentirsi protetto all’interno di una famiglia?

A volte dobbiamo renderci conto che non basta dare ai nostri amici a 4 zampe solo da mangiare, o portarli nel giardinetto sotto casa o curare la loro igiene limitandoci a questo.

Il rapporto affettivo ha un ruolo primario, voi passereste tutta la vostra vita chiusi in una casa, uscendo solo due volte al giorno per pochi minuti?

Passare del tempo con i nostri amati cani, fa bene a loro e fa bene anche a noi.

Quando si sceglie di condividere il proprio tempo con un cane, si deve avere ben chiaro di quanto tempo abbiamo a disposizione per soddisfare a sufficienza le sue necessità psico-fisiche.

Il cane ha sempre bisogno di cure, dedizione e attenzioni, in più è un’animale sociale.

Oltre al buon cibo, alle cure veterinarie, ha bisogno di coccole, movimento, stimoli ambientali, ma soprattutto, di contatti frequenti con i suoi simili.

Più un cane sarà equilibrato, più sarà sereno

Per essere sereno deve poter giocare, correre, fiutare, esplorare e frequentare i suoi simili affinché possa comunicare, socializzare, informarsi, confrontarsi.

La razza non fa distinzione. Se ci pare che il cane si rifiuti di fare queste cose e lo giustifichiamo in questo, dobbiamo pensare che  il cane in quel momento sta inviando al proprietario un importante messaggio di disagio da non sottovalutare.

Indagando le cause di questa anomalia, potreste scoprire che da piccolo è stato carente degli stimoli fondamentali per la sua crescita, ad esempio la socializzazione; oppure che è stato abituato a privarsi della sua normale curiosità per colpa di uscite brevi e poco frequenti.

Per questo è importante associare momenti di crescita al gioco.

Le attività ludiche devono stimolarlo, incentivarlo a vivere ad esempio anche il pasto come un divertimento.

Cesar il noto brand della Mars, ha stupito con l’organizzazione di un brunch domenicale per cani, trasformando così il pasto in un momento di gioia condiviso con i propri padroni.

Iniziative simili possono essere dei pretesti per riunirsi con altri proprietari e permettere ai nostri amici pelosi di incontrare propri simili proprio come ad una festa. Non decliniamo queste occasioni di incontro.

Alessandra Curreli

© 2017, Alessandra Curreli. Riproduzione Riservata

Rispondi