Olio di Neem come repellente per cani: cos’è e come si usa

Olio di Neem come repellente per cani: cos’è e come si usa

Mondofido

L’olio di Neem è uno degli antiparassitari naturali più utilizzati dai proprietari di cani e gatti. In questo articolo vedremo cos’è, quali sono i suoi effetti e anche le sue criticità.

n un periodo come quello primaverile ed estivo dove gli ectoparassiti, cioè i parassiti che colpiscono i cani e i gatti dall’esterno, sono molto fastidiosi e potenzialmente pericolosi per il cane, i rimedi per proteggerlo sono tanti. Ci sono gli antiparassitari tradizionali, preparazioni farmacologiche attive contro uno o più parassiti, ma stanno prendendo piede anche gli antiparassitari naturali, sostanze non di fabbricazione chimica ma di estrazione da piante tra i quali l’Olio di Neem.

Molti lo forniscono perché è naturale, senza sapere però come funziona e quali sono i suoi effetti e, soprattutto, la sua capacità protettiva: cerchiamo di comprenderle meglio, perché se non si usa correttamente si mette a rischio la salute del cane!

Olio di Neem: che cosa fa 

L’olio di Neem è un olio estratto dalla pianta del Neem, che ha una funzione nutriente per la pelle (perché è grasso) e ha alcune funzioni utili per allontanare i parassiti.

Contiene un principio attivo, che si chiama Acadiractina, che ha questi due effetti:

  • Limita la muta del parassita, evitando quindi la possibilità che possa crescere (i parassiti fanno più mute), e limita così la capacità infestante del parassita;
  • Ha un’azione repellente e inibisce lo stimolo della fame, così che i parassiti siano meno portati ad avvicinarsi al cane e ad attaccarlo.

Ha anche un’azione antibatterica, però non è potente come quella di un antibiotico, per cui va usato con parsimonia in questo senso.

Si tratta di un prodotto comunque non tossico per il cane, e questo è un vantaggio, e per le sue azioni riesce a limitare in numero i parassiti che si avvicinano al cane.

Olio di Neem: le criticità

Bisogna fare attenzione ad utilizzare questo prodotto principalmente a causa delle sue criticità, che possono lasciare il cane scoperto.

Come abbiamo visto, l’olio di neem è repellente, è utile se i parassiti nella zona sono pochi ma in posti particolarmente infestati, come i prati con l’erba alta, dove i parassiti sono tanti, può fallire e alcuni di questi parassiti (volanti o meno) possono comunque riuscire a raggiungere il cane; in questi casi non è sufficiente e sarebbe meglio supportare con prodotti più potenti.

Ma il limite più grande di questo prodotto è la sua durata: a differenza dei prodotti spot-on farmacologici, che durano anche tre, quattro settimane, l’Acadiractina perde la sua azione entro pochi giorni, ed è quindi necessario ripetere spesso il trattamento per essere sicuri di fornire al cane una protezione completa; diradandolo troppo si rischia di lasciare il cane alla mercé dei numerosi parassiti che si possono trovare nell’ambiente.

Insomma, dannoso non è e un effetto ce l’ha, ma come tutti i prodotti va usato con una certa attenzione e, soprattutto, va conosciuto.

Dott. Valerio Guiggi – Medico Veterinario Specialista

(Contatta l’autore: info@valerioguiggi.it)

© 2018, Mondofido. Riproduzione Riservata

Rispondi