Sverminazione del cane adulto: quando può essere utile?

Sverminazione del cane adulto: quando può essere utile?

Mondofido

La sverminazione è un processo di routine quando si parla di cuccioli di cane, ma questa operazione può essere fatta, in certi casi, anche nel cane adulto: ecco quando è necessaria

La sverminazione è una terapia medica che serve ad eliminare i parassiti intestinali del cane. Si tratta di un’operazione praticamente obbligata quando il cane è cucciolo, perché i vermi sono presenti così spesso che la maggior parte dei veterinari fa un ciclo di sverminazione in modo automatico, parallelamente alle vaccinazioni.

Tuttavia, la sverminazione del cane è utile anche da adulto, in certe situazioni a rischio o quando il cane prende i vermi nel corso della propria vita: ecco quando è necessario ripeterla, con le stesse modalità del cucciolo.

  • Quando il cane adulto prende i vermi: la maggior parte dei vermi ha una trasmissione oro-fecale, cioè il cane la prende annusando o leccando la cacca di altri cani infetti. Può succedere senza che il proprietario se ne accorga, però qualche tempo dopo compariranno i vermi nelle feci. In questo caso è necessario effettuare una sverminazione da adulto.
  • Quando una femmina è in gravidanza e in lattazione: poiché alcune specie di parassiti si trasmettono alla placenta o tramite il latte della femmina adulta, richiamati dagli ormoni della gravidanza, è bene avvertire il veterinario che la femmina è in gravidanza, e lui provvederà a ripetere la sverminazione prima e dopo il parto. Questo si fa per evitare che i vermi vengano trasmessi ai cuccioli prima che nascano, oppure subito dopo la nascita.
  • I casi particolari in cui le possibilità di parassitosi siano alte: se un cane vive in canile, ma anche in un ambiente in cui girano randagi che potrebbero avere i vermi, il veterinario può consigliare più sverminazioni da adulto, per evitare che i parassiti prendano il sopravvento e diventino pericolosi per il cane stesso.

Da notare che la sverminazione non è una vaccinazione, ma semplicemente l’introduzione di alcuni farmaci nell’organismo del cane che vanno ad uccidere i vermi intestinali. L’uccisione va in base ai vermi presenti e al principio attivo utilizzato e, poiché potrebbe non distruggere tutti i vermi, generalmente viene ripetuta a distanza di qualche settimana (per dare tempo alle uova di schiudersi, e i vermi neonati diventare sensibili ai farmaci) dal primo trattamento.

Dott. Valerio Guiggi – Medico Veterinario Specialista

(Contatta l’autore: info@valerioguiggi.it)

© 2018, Mondofido. Riproduzione Riservata

Rispondi