Il cane più bello del mondo 2017

Il cane più bello del mondo 2017

Alessandra Curreli

Si è svolto in Sassonia a Lipsia il Campionato del mondo dedicato alla cinofilia mondiale. Cinque giorni di gare e un vincitore tutto italiano.

31mila cani provenienti dal tutto il mondo per l’elezione del cane più bello del mondo, 73 paesi presenti,  la Russia con 3643 cani partecipanti, 2295 dall’Italia, ma anche Israele, Usa, Thailandia, Australia.

Un evento grandissimo svoltosi nella città di Lipsia in Germania su una superfice complessiva di 80 mila mq, di cui oltre 20.000 mq dedicati agli stand commerciali , ai servizi, al cibo, alle dimostrazioni e agli eventi cinofili.

Un indotto di altissimi volumi e di alta qualità per i cani partecipanti.

Cinque italiani tra i giudici

Senza truffe, sono stati 191 giudici internazionali, fra cui 5 italiani, Claudio De Giuliani, Francesco Cocchetti, Pierluigi Buratti, Salvatore Tripoli e Attilio Polifrone che hanno decretato le posizioni vincitrici.

Il vincitore assoluto è una bellissima femmina di Alano, nella variante di colore fulvo, una razza tedesca dell’allevamento e della professionalità made in Italy!

Il vincitore

Ha 3 anni, il suo nome è Queenie Eye del Castel Levante, nata ed allevata nel piacentino da Valter Razza e Antonella Finotto, di proprietà della signora Patrizia Maria Vidano.

Condotta magistralmente dall’handler partenopeo Nicola Salierno, ha conquistato il primo posto come il cane più bello del mondo 2017.

Appassionato di cani e soprattutto di Alani,  Nicola in breve tempo ha calcato i più prestigiosi ring internazionali, insieme a Queenie, aggiudicandosi lo stesso giorno anche il Best in Show dedicato alla razze tedesche. Una doppietta vincente che rimarrà nella storia cinofila.

Secondo classificato, il Fox Terrier Wire-haired Hampton Court’s Monte Cristo, seguito dal Beagle Dialynne Peter Piper e dall’American Cocker Spaniel Afterglow Miami Ink.

Il 2018 sarà la volta dell’Olanda, dal 9 al 12 Agosto 2018, vi aspettiamo per nuove incoronazioni ad Amsterdam.

Alessandra Curreli

© 2018, Alessandra Curreli. Riproduzione Riservata

Rispondi