Fondi per una camera operatoria per cani randagi

Fondi per una camera operatoria per cani randagi

Alessandra Curreli

Donare una camera operatoria che possa essere utilizzata per interventi su cani randagi.

Il “Movimento animalista”, fondato dalla deputata Michela Vittoria Brambilla – ex ministro del Turismo – con questo scopo ha promosso una raccolta di fondi in favore dell’associazioneAnime randagie.

L’associazione si trova a Bovalino in provincia di Reggio Calabria ed è presieduta da Angela Aguì che combatte il randagismo da diversi anni.

Il costo dell’attrezzatura è di dodicimila euro, somma che l’associazione si propone di raccogliere, “facendo appello alla generosità di tutti coloro che amano gli animali“.

Offrire supporto ai più deboli

“Anime Randagie – afferma Angela Aguì – spalanca le porte dell’Oasi a chi si fa garante dei diritti dei più deboli: i nostri randagi”.

L’iniziativa è stata presentata a Bovalino da Simona Bazzoni, responsabile “Fundraising” e Maria Silvia D’Alessandro, responsabile del dipartimento giuridico-legislativo del Movimento animalista, alla presenza del sindaco, Vincenzo Maesano, dei componenti la giunta e dei rappresentanti del Movimento animalista calabrese.

Una vera esigenza

Lo scopo della raccolta é di donare all’associazione una camera operatoria che possa essere utilizzata per interventi su cani randagi. Non solo una richiesta, ma una vera esigenza in una terra spesso martoriata da questo problema a cui speriamo aderiscano in molti.

“Il messaggio di speranza proveniente dall’Oasi, un ex macello convertito in un meraviglioso rifugio per i nostri amici pelosi – aggiunge Angela Aguì – è stato intercettato dal Movimento Animalista. Perciò abbiamo elaborato e affidato alla generosità degli internauti un progetto per una ‘Day surgery’ all’interno dell’Oasi che possa renderla autonoma dal punto di vista sanitario, abbattendo notevolmente i costi delle parcelle professionali per le urgenze”.

Il randagismo è una piaga che ha numeri importanti, sono infatti oltre 560.000 i cani stimati randagi in Italia, un numero che non accenna a diminuire, ma che anzi a seconda delle regioni cresce senza dare tregua.

L’impegno dell’Associazione è costante nel prestare aiuto ai numerosi cani randagi ospiti, con questo progetto, sarà possibile facilitare il soccorso immediato, e fornire un prezioso aiuto a tutti gli animali che ne avranno bisogno abbattendo i costi degli interventi esterni.

Alessandra Curreli

© 2018, Alessandra Curreli. Riproduzione Riservata

Rispondi