La rinite nel cane

La rinite nel cane

Mondofido

La rinite è un’affezione infiammatoria della mucosa nasale molto diffusa tra i cani e si divide in due forme; acuta e cronica.

La rinite è un’affezione infiammatoria della mucosa nasale molto diffusa tra i cani, ma non vi è rischio di contagio, può riguardare anche i seni paranasali (cavità delle ossa del muso).

Questa infiammazione può riguardare tutte le razze senza distinzione di sesso o età.

Cos’è la rinite

La rinite è un’affezione infiammatoria della mucosa nasale molto diffusa tra i cani anche se per i cani a muso lungo può essere dovuto a funghi e per i cani anziani può essere sintomo di neoplasie (forme tumorali).

La rinite si divide in due forme: acuta e cronica, differenziata per durata e intensità.

Le cause della rinite acuta sono varie: spighette e altri corpi estranei, traumi, patologie virali come la corizza (infiammazione  con sintomi di raffreddore),malattie batteriche, allergie.

Le cause della rinite cronica sono malformazioni come la palatoschisi (malformazione del palato che può riguardare i cuccioli), parassiti, tumori, patologie dentarie, malattieimmunomediate (che provocano sanguinamenti eccessivi) o riguardanti il plasma (liquido del sangue che contiene proteine, glucidi e lipidi).

Sintomi

La rinite è caratterizzata da starnuti che causano perdite di muco o sangue dal naso, starnuti inversi (sforzo

inspiratorio, rumoroso e parossistico, ovvero occasionale in posizione da semi seduto con collo esteso),sterforzi (rumore inspiratorio a sonorità bassa e generalmente associato a malattie delle cavità nasali), mancanza di appetito, lacrimazione agli occhi, alitosi.

Il veterinario eseguirà esami del sangue, test per verificare la presenza di funghi, inoltre verrà effettuata una biopsia (prelievo di parte di un tessuto per verificare la presenza di tumori), radiografie e controlli della cavità nasale con la rinoscopia.

Diagnosi

In base alla diagnosi, il veterinario consiglierà per la cura antibiotici, antinfiammatori oppure antiparassitari o antimicotici e sarà utile per il padrone umidificare gli ambienti.

L’intervento chirurgico viene eseguito in presenza di polipi (protuberanza che si forma in una cavità del corpo o in un canale come condotto uditivo esterno o fosse nasali, in caso di più polipi viene definita poliposi).

Erika Dotti

(contatta l’autore dell’articolo)

© 2017, Mondofido. Riproduzione Riservata

Rispondi