A Natale tutti in treno, boom di biglietti

A Natale tutti in treno, boom di biglietti

Alessandra Curreli

Armati di guinzaglio, trasportino e documento, i quattro zampe italiani oggi si spostano anche in treno.

Sono 220 mila tra cani e gatti, gli animali che hanno messo piede, ops…zampa da inizio 2017 ad oggi sulle Frecce e sui treni Intercity di Trenitalia.

Di questi, 60 mila hanno viaggiato a pagamento con il guinzaglio e l’obbligo della museruola, gli altri 160 mila perlopiù di piccola taglia hanno viaggiato gratis nel trasportino, come da regolamento.

A Natale le stime prevedono un incremento, saranno oltre 250.000 in totale i passeggeri pelosi che trascorreranno le feste al seguito insieme ai loro padroni.

E’ quanto emerge da un monitoraggio realizzato per l’Adnkronos Salute da Trenitalia, che ad agosto 2017 ha lanciato un’iniziativa con prezzo simbolico di 5 euro per i cani, contro l’abbandono degli animali, realizzando grazie a questa oltre 15 mila trasporti.

I periodi di maggior afflusso

In Italia oltre al periodo estivo infatti  che vede concentrarsi il maggior numero di trasporti (oltre il 50%), sono principalmente le vacanze di Natale che registrano un incremento di viaggiatori pelosi su rotaia, corrispondente a 50% dei ticket emessi rispetto alle giornate standard – fanno sapere da Trenitalia.

Il regolamento

Le regole per fare salire a bordo i cani sul treno sono sempre le stesse, e sono disponibili sul sito diretto dell’azienda.

I cani di piccola taglia, i gatti ed altri piccoli animali domestici custoditi trasportino sono ammessi gratuitamente nella prima e nella seconda classe di tutte le categorie di treni e nei livelli di servizio Executive, Business, Premium e Standard.

E’ inoltre consentito, per singolo viaggiatore, il trasporto di un cane di qualsiasi taglia, tenuto al guinzaglio e munito di museruola: sui treni Ic ed Icn sia in prima che in seconda classe; sui treni Frecciabianca, Frecciarossa e Frecciargento, in prima e seconda classe e nei livelli di servizio Business e Standard.

In nessun caso gli animali ammessi nelle carrozze possono occupare posti destinati ai viaggiatori e, qualora rechino disturbo agli altri viaggiatori, l’accompagnatore e il suo animale, su indicazione del personale del treno, sono tenuti ad occupare un altro posto eventualmente disponibile o a scendere dal treno.

Il cane guida, può viaggiare su tutti i treni gratuitamente senza alcun obbligo.

Alessandra Curreli

© 2017, Alessandra Curreli. Riproduzione Riservata

Rispondi