Più tempo all’aria aperta: l’occasione per cimentarsi in giochi di fiuto.

Più tempo all’aria aperta: l’occasione per cimentarsi in giochi di fiuto.

Rosanna Capano

Il fiuto, l’organo per eccellenza del nostro cane, allestire e intraprendere giochi di ricerca olfattiva e consentire la realizzazione del cane.

I giochi di fiuto sono tra le attività più interessanti da proporre al nostro cane.
Coinvolgerlo nel seguire una pista olfattiva significa realizzare appieno il potenziale del nostro cane.

Ma rima di cimentarsi nel seguire una pista il fiuto del nostro cane va gradualmente allenato.

Un buon inizio sarà rappresentato dal l’equivalente cinofilo del “gioco delle tre carte”, cominciamo in casa per portare gradualmente il gioco al di fuori delle mura domestiche attrezziamoci con tre scolapasta è solo sotto uno nasconderemo un pochino di cibo.

Per aumentare la difficoltà possiamo passare alla “discriminazione olfattiva” ovvero insegnare al nostro vane a scegliere, tra diversi oggetti identici, solo quello con il nostro odore (un gioco da ragazzi per il nostro Fido, come lo è per noi distinguere tra due colori molto diversi).
Se siamo in passeggiata in un bosco basterà raccogliere una pigna (o anche un bastoncino) e giocare insieme, in questo modo stimoleremo l’interesse del cane verso l’oggetto in questione.
In un altro momento della passeggiata metteremo la “nostra” pigna insieme ad altre simili e, cercando di non confonderci noi, sperimentiamo se Fido recupera proprio quella con la quale avevamo giocato insieme a lui qualche momento prima. E se lui ci riporta o ricomincia a giocare proprio con quella usata da noi possiamo dire di essere pronti per le “piste olfattive”.

Vedere un cane che, con il suo fiuto, segue una pista è una esperienza affascinante, se siamo attenti osservatori durante le scorribande boschive con i nostri cani avremo sicuramente notato quante volte in cane mette il naso a terra per seguire le tracce di un animale selvatico o di un cane passato in quel punto prima di lui.

Per cominciare con le “piste olfattive” si può procedere con mettere in fila indiana pezzetti di cibo, da una fila ordinata passeremo po a distanziare i bocconcini inserendo delle piccole curve nel percorso. Per lo step successivo si può utilizzare un wurstel che sfregato a terra creerà la pista di odore al termine della quale il cane troverà l’intero bottino. Svolte nel percorso e salti di pista (punti in cui non è stata tracciato l’odore) arricchiranno il terreno di gioco.

Rosanna Capano

 

© 2018, Rosanna Capano. Riproduzione Riservata

Rispondi