Dermatite atopica del cane: cos’è e come tenerla sotto controllo

Dermatite atopica del cane: cos’è e come tenerla sotto controllo

Mondofido

La dermatite atopica del cane è una patologia simil-allergica ma di causa ereditaria.Non esiste una cura, ma si può tenere sotto controllo

La dermatite atopica del cane è una delle patologie simil-allergiche più frequenti che possono interessare i nostri amici a quattro zampe. I sintomi, infatti, sono quelli di un’allergia, ma allo stesso tempo la causa non è quella.

Infatti, l’allergia è una malattia autoimmune in cui l’organismo si immunizza contro un composto specifico, che per esempio può essere contenuto nel cibo oppure nell’aria, mentre la dermatite atopica è una malattia ereditaria, dipende dai genitori, e non si può evitare. Però si può distinguere dalle varie forme allergiche (DAP, allergie alimentari) perché non ha senso intraprendere particolari terapie o evitare certi cibi o certi ambienti, perché non porterebbe a nulla.

I sintomi della dermatite atopica

Come si può capire dal nome della malattia, la dermatite atopica è una malattia che interessa la pelle, a differenza delle allergie che possono interessare anche l’intestino, oppure le vie respiratorie (in modo simile alle allergie umane, anche se nel cane sono rare). 

Alcune razze sono più predisposte, e i meticci in generale tendono ad essere meno soggetti a questa situazione a causa della variazione genetica maggiore dei due genitori. Di solito, i sintomi si manifestano tra uno e tre anni, perché c’è una predisposizione ereditaria a sviluppare la malattia.

La dermatite atopica porta essenzialmente a prurito, che può aggravarsi con eritemi (pelle arrossata), perdita di pelo e continuo leccamento; si possono trovare anche infiammazioni della pelle che aggravano e perpetuano la situazione.

Le aree arrossate tendono a distribuirsi sulla faccia, nelle orecchie e in fondo alle zampe del cane.

Diagnosi e prevenzione della malattia

Per diagnosticare la dermatite atopica non si può fare molto di più che analizzare le lesioni e distinguerle sia dalle altre malattie allergiche (escludendo così le principali), sia dalle altre dermatiti non causate dall’atopia.

Escluse quindi le altre cause, è possibile passare a test specifici sulla pelle per capire quale sia l’antigene che causa l’atopia nel cane, per cercare (se possibile) di eliminarlo.

La terapia, invece, si attua solamente nel momento in cui è presente la reazione atopica, e si basa su antinfiammatori che permettono di rimuovere i segni della malattia.

Invece, una cura per la dermatite atopica ad oggi non esiste, e si può solamente evitare, una volta individuata, la causa scatenante delle reazioni e somministrare medicinali al bisogno, tenendo così sotto controllo il problema e favorendo il benessere del cane.

Dott. Valerio Guiggi – Medico Veterinario Specialista

(Contatta l’autore: info@valerioguiggi.it)

© 2017, Mondofido. Riproduzione Riservata

Rispondi