Educare il cane al fiuto e trovare oggetti

Educare il cane al fiuto e trovare oggetti

Alessandra Curreli

Come per chi fa sport, anche per i nostri cani vale la regola che per sviluppare il proprio fiuto ed ottenere buoni risultati nella capacità di ricerca, sia necessario un certo allenamento

Quante volte avete sperato che il vostro amico a quattro zampe utilizzasse il suo infallibile fiuto per scovare un bel tartufo durante una passeggiata nei boschi?

Ebbene, non tutte le razze sono adatte a questo tipo di ricerca gastronomica, ma se volete educare il vostro cane a fiutare “qualcosa” di semplice, come trovare degli oggetti, basta insegnarglielo.

Il cane legge il mondo prevalentemente con l’olfatto, mentre noi usiamo la vista.

Riconoscono e codificano tutto quello che hanno intorno, annusandone gli odori e da questi ricavano innumerevoli informazioni. Ad esempio quando torniamo a casa, impiegano poco tempo a capire dove siamo stati, chi abbiamo incontrato, con cosa siamo venuti a contatto.

Qualche dato per farci capire: i ricettori olfattivi in un cane arrivano a 220 milioni in un Labrador Retriever, 200 milioni in un Cane da Pastore tedesco, 147 milioni in un Fox Terrier.

Nell’uomo sono soltanto 5 milioni.

Grazie al suo fiuto, il Labrador Retriever è oggi il cane più usato per estrarre vive persone sepolte sotto le macerie.

E’ in grado di riconoscere 500.000 odori: un essere umano, soltanto 4.000.

Il cucciolo impara alla svelta

Capite le sue potenzialità, ricordiamoci che il cane impara presto, quindi è importante che la difficoltà che offriamo loro di codificare un odore, siano in aumento esponenziale.

Il cane se cucciolo deve prima imparare a rispondere a determinati comandi. Appresi i comandi base senza distrazioni, possiamo addestrarlo.

  1.  Addestralo quando ha fame prima del pasto.
  2. La durata dell’allenamento deve essere intorno ai 15 minuti e ripetuta almeno 3 volte al giorno.
  3. Concludi l’allenamento sempre con un premio in cibo.
  4. Mostra al cane l’oggetto sulla tua mano e faglielo annusare (inizia con un esca dall’odore pronunciato), usa anche il sonoro, chiamando l’oggetto col suo nome.
  5. Nascondi l’oggetto sotto a una scatola e magari mettine delle altre vuote attorno.
  6. Mentre fai questo lascia il cane fuori dalla stanza.
  7. Al suo rientro usa il comando “Trova” e nomina l’oggetto.
  8. Trovato l’oggetto elogialo, ricompensalo con un gustoso regalo mangereccio.
  9. Ripeti il gioco elevando la difficoltà di ricerca, magari mentre il cane è distratto gettando l’oggetto dietro al divano.
  10. Alla fine ricompensalo sempre se ha successo e non sgridarlo mai, non capirebbe il perché.
  11. Usa il comando per trovarlo.

Alessandra Curreli

© 2017, Alessandra Curreli. Riproduzione Riservata

Rispondi