La dissocializzazione nel cane

La dissocializzazione nel cane

Mondofido

I disturbi comportamentali come la dissocializzazione possono degenerare in malattie come l’ansia e la depressione

La dissocializzazione è una delle patologie che può interessare i cuccioli caratterizzata dalla disfunzione della comunicazione sociale ed è’ una malattia studiata ed esposta da Patrick Pageat, medico veterinario francese, specializzato in comportamento animale.

La dissocializzazione si divide in primaria e secondaria.

Per la primaria generalmente sono cani separati prima dei 2 mesi dalla madre e non gestiti correttamente, assistendo, ad esempio, al triste fenomeno delle tratte dei cuccioli importati da altri Paesi in Italia per la vendita o per le fiere. 

Questi cuccioli sono maggiormente esposti a malattie in quanto il loro sistema immunitario non è ancora sufficiente.

Inoltre sono animali che non hanno ricevuto gli insegnamenti della madre per un corretto rapporto con gli altri cani (comunicazione intraspecifica) o con membri di altre specie (comunicazione interspecifica),

Il cane dissocializzato prevarica gli altri per il cibo, non conosce la posizione supina di sottomissione, cioè a pancia all’aria .

L’animale non ha il morso controllato, non tollera di essere manipolato e nei casi più gravi ha tendenze aggressive nei confronti di altri cani o nei confronti di altre persone.

La dissocializzazione secondaria si verifica dopo i tre mesi di vita, quando il cane non è in grado di applicare gli insegnamenti elementari che aveva imparato dalla madre e questo fenomeno è chiamato anche desocializzazione.

Le probabili cause sono i cambiamenti ormonali in età puberale, una sbagliata gestione, ma anche la mancanza di un rapporto con altri cani e gli addestramenti ai combattimenti.

Questi disturbi comportamentali possono degenerare in malattie come l’ansia e la depressione.

E’ possibile curare queste forme di dissocializzazione soprattutto se riguardano cani di piccola taglia e, per quanto riguarda la forma primaria con mancata sottomissione bisogna insegnare al cane un atteggiamento calmo e postura bassa.

Altra terapia da applicare è la socializzazione con altro cane più tranquillo, inizialmente facendo uso della museruola, in via cautelativa, per il soggetto dominante e in seguito lasciando i cani liberi in uno spazio chiuso .

In ogni caso è fondamentale l’intervento del veterinario comportamentalista, che può suggerire le cure appropriate, come i feromoni per i casi meno gravi.

Erika Dotti

(contatta l’autore dell’articolo)

© 2017, Mondofido. Riproduzione Riservata

Rispondi