Strolch storia di una fuga a lieto fine

Strolch storia di una fuga a lieto fine

Mondofido

La rocambolesca fuga di Strolch, ritrovato grazie alla perseveranza dei volontari del canile di Cecina che non hanno mai smesso di cercarlo

Si è conclusa con il lieto fine che tutti aspettavano la fuga del cane Strolch. 

Il cane, di proprietà di un turista tedesco in vacanza a La Mazzanta, proivincia di Livorno, era fuggito facendo perdere presto le sue tracce.

I volontari del canile di Cecina, allertati da una dipendente del campeggio dove il turista soggiornava, non si sono mai scoraggiati.

Dopo ben 56 giorni di fuga, e numerosi avvistamenti, Strolch è stato finalmente catturato grazie all’utilizzo di una gabbia trappola.

Fondamentale è stato l’impegno dei volontari del canile che hanno seguito ogni segnalazione e crato una pagina facebook dedicata alle ricerche per raccogliere ogni segnalazione.

In diverse occasioni sembrava stessero per prenderlo ma il piccolo Strolch riusciva sempre a sfuggire.

Mai perdere la speranza

Quando sembrava ormai persa anche l’ultima speranza, il fuggiasco si è fatto rivedere nei pressi del campaggio da cui era fuggito.

Subito è stato avvisato il suo padrone, rientrato nel frattempo in Germania, si è precipitato nuovamente in Italia.

Dopo una prima notte di attesa senza alcun risultato finalmente la gabbia trappola è scattata catturando il cane.

I due sono stati condotti poi in una stanza sicura del canile e li si sono finalmente potuti riabbracciare.

la commozione negli occhi del padrone è stata la migliore ricompensa per  le notti bianche passate dai volontari.

Un plauso a questi ragazzi che non hanno risparmaito energie per rendere possibile questo abbraccio.

Buona vita piccolo Strolch

Ottavio Bardari

© 2017, Mondofido. Riproduzione Riservata

Rispondi